SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

IMPIANTI FOTOVOLTAICI - SOLARI TERMICI - GEOTERMICI - POMPE DI CALORE

STUDIO TECNICO ING. G. SANTORO

Consulenza e progettazione impianti ad energie rinnovabili.

CONTO TERMICO 2.0 - SERVIZIO PRATICHE GSE (richiesta incentivi per installazione impianti di produzione di energia termica da fonti rinnovabili).

ECOBONUS - SERVIZIO PRATICHE ENEA (richiesta detrazioni fiscali per interventi di efficientamento energetico su edifici esistenti).

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA - SERVIZIO PRATICHE ENEA RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO).

 

CONTO TERMICO 2.0

IMPIANTI FOTOVOLTAICI.

Un impianto fotovoltaico residenziale utilizza moduli fotovoltaici per assorbire energia solare e convertirla in elettricità per le esigenze domestiche. Il tipo più comune è un impianto collegato alla rete elettrica: questo vi fornisce energia solare durante il giorno garantendovi la possibilità di sfruttare l'energia della rete elettrica di notte o quando la produzione dell'impianto non è sufficiente per coprire il vostro fabbisogno.
Ecco in che modo funzionano i moduli fotovoltaici per produrre elettricità per la vostra casa:

Attualmente, grazie alla riduzione dei costi economici degli accumulatori, risulta conveniente 'conservare' l'energia prodotta in eccesso dall'impianto durante l'irraggiamento solare, da utilizzare successivamente per l'uso domestico durante le ore notturne.

Si possono realizzare impianti del tipo:

- 'ad isola' ovvero totalmente scollegati dalla rete elettrica, dimensionati in modo tale da garantire un'autosufficienza dei fabbisogni elettrici richiesti durante l'intera giornata;

- 'ibridi', connessi alla rete elettrica e composti da accumulatori in grado di fornire energia limitata e non del tutto sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico dell'utenza; in tal caso si prevede sia l'immissione in rete del surplus di energia eventualmente prodotta dall'impianto (la quale energia verrà pagata dal GSE in base alle tariffe prestabilite), sia il prelievo, dalla stessa rete elettrica, di energia, quando necessaria per l'utenza e non disponibile negli accumulatori.

- 'grid connected' cioè impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica cui immettono energia quando questa non viene assorbita dall'utenza e dalla quale prelevano l'energia necessaria nelle ore in cui non vi è irraggiamento solare o nei momenti in cui l'utenza richiede potenze superiori rispetto a quelle fornite dall'impianto; questo tipo di tecnologia, ampiamente utilizzata nel recente passato, risulta ormai superata a causa della sensibile riduzione del prezzo dell'energia pagato dal GSE al privato per l'accumulo in rete.

FORMULE DI INCENTIVI FISCALI.

Per i soli impianti fotovoltaici finalizzati all'utilizzo dell'energia per scopi domestici, sono disponibili incentivi fiscali che consistono nella possibilità di detrarre dall'imposta IRPEF il 50% del costo dell'impianto in un arco temporale di dieci anni. Ad esempio, se il costo dell'impianto ammonta a 10.000 euro, 5.000 euro saranno detraibili annualmente dall'imposta IRPEF (se questa risulta superiore all'importo detraibile annualmente) in misura pari a 500 euro (500 euro x 10 anni).

VANTAGGI ECONOMICI.

Riduzione o azzeramento del costo della bolletta dell'energia elettrica: risparmio economico coniugato alla possibilità di disporre di maggiore energia elettrica per l'utenza domestica, la quale energia può essere impiegata per migliorare, ad esempio, il riscaldamento invernale della propria abitazione, con l'utilizzo di pompe di calore elettriche. Inoltre, l'energia prodotta da un impianto fotovoltaico è un 'energia pulita' e rispettosa dell'ambiente (zero emissioni di CO2). Ulteriori benifici possono concorrersi nella classificazione energetica dell'immobile, la quale classificazione incide anche sul valore economico dello stesso.

COSTO DELL'INVESTIMENTO.

Dipende dalla tipologia d'impianto e dalla qualità dei componenti utilizzati.

Generalmente per una famiglia di 3-4 persone è sufficiente un impianto in grado di fornire una potenza massima pari a circa 3-4 kw; orientativamente il costo di un impianto di questo tipo, esclusa installazione, attualmente si aggira attorno ai 6.000 euro.

Il costo dell'investimento (in relazione all'esempio sopra menzionato), oltre ad essere deducibile nella misura del 50%, viene generalmente recuperato nell'arco di circa 6 anni; la vita di un impianto fotovoltaico è pari a 20-25 anni e pertanto, dal 7° anno in poi, fino a fine vita impianto, l'utente percepisce un guadagno consistente nel risparmio economico commisurato al costo dell'energia elettrica che pagherebbe se fosse semplicemente allacciato alla rete elettrica.

SCADENZE INCENTIVI.

Alla luce di quanto sopra esposto, è evidente che un impianto fotovoltaico per uso domestico rappresenta sicuramente un ottimo investimento economico: la convenienza di questo investimento è favorita dalla possibile detrazione fiscale del 50% del costo dell'impianto. Tale agevolazione economica è tuttavia temporanea e sicuramente sarà eliminata nei prossimi anni (gli incentivi saranno progressivamente ridotti man mano che si diffonderà la tecnologia); è opportuno pertanto cogliere questo momento particolarmente favorevole per risparmiare!

IL NOSTRO STUDIO SI AVVALE DEL SUPPORTO DI AZIENDE LEADER NEL SETTORE, IN GRADO DI FORNIRE LA MIGLIORE TECNOLOGIA DISPONIBILE SUL MERCATO E DI PROPORRE LE SOLUZIONI OTTIMALI PER OGNI ESIGENZA.

COLLETTORI SOLARI TERMICI.

Il pannello solare termico cattura l’energia solare trasformandola di fatto in energia termica in grado di scaldare l’acqua. Essa ovviamente viene utilizzata per produrre acqua calda nelle abitazioni ed abbattere in questo modo i costi energetici derivanti dal riscaldamento dell’abitazione e dell’acqua necessaria al funzionamento della stessa.

Il sole colpirà i pannelli termici, formati da tubi di diverso materiale conduttore scaldando l’acqua contenuta al suo interno, la quale verrà messa in circolo nell’intera abitazione o nella costruzione (in caso di piscine o particolari tipi di locazione, n.d.r.) di suo riferimento. Nello specifico l’impianto sarà composto dal pannello solare, da un serbatoio di accumulo d’acqua. Nel caso di circolazione forzata sarà necessaria anche una pompa per la circolazione dell’acqua ed una centralina elettronica.

Questo tipo di impianto può essere integrato ai tradizionali sistemi di riscaldamento invernale (ad esempio le caldaie a gas metano) ottenendo una sensibile riduzione dei consumi di combustibile e quindi un risparmio economico.

I benefici di tali impianti sono massimizzati in presenza di un sistema di riscaldamento del tipo 'a pavimento', il quale richiede temperature di mandata dell'acqua più basse rispetto ai sistemi tradizionali con terminali del tipo a radiatore o fan coil.

FORMULE DI INCENTIVI FISCALI.

Fino al 65% di detrazione fiscale IRPEF se installati entro il 2015; dopodichè gli incentivi si riducono e nel prossimo anno dovrebbero essere fissati nella misura del 36%.

COSTO DELL'INVESTIMENTO.

Variabile e dipendente dalla capacità del sistema e dalla tipologia dello stesso. Per impianti di piccole dimensioni, a parità di superficie installata, la scelta più economica è sicuramente quella di un sistema a circolazione naturale, con pannelli piani vetrati. Per un impianto di questo tipo, il costo di un m² installato, comprensivo di accumulo e di tutti i componenti, può andare indicativamente dai 400 € agli 800 €.

I sistemi a circolazione forzata, invece, risultano più convenienti per impianti di dimensioni maggiori, con una superficie di pannelli di almeno 4-5 m². Per le installazioni residenziali (fino a 8-10 m²) con collettori piani vetrati, il loro costo oscilla tra gli 800 € e i 1.100 € per ogni m² installato, comprensivo di accumulo e componenti. Nel caso si scelgano pannelli sottovuoto bisogna calcolare, a parità di superficie installata, costi superiori di circa il 50%.

Investire del denaro in un impianto solare è sempre un buon affare: un impianto adeguatamente dimensionato e installato si ripaga in pochi anni, a maggior ragione con l’aiuto dei succitati incentivi economici, disponibili anche per le imprese (conto energia termico).

GEOTERMIA E POMPE DI CALORE

Scegliere un impianto geotermico significa assicurarsi un ambiente domestico confortevole, piacevolmente caldo d’inverno e fresco d’estate, utilizzando una tecnologia rispettosa dell’ambiente e vantaggiosa dal punto di vista economico.

I sistemi geotermici a bassa temperatura sono diffusi, in ambito residenziale, soprattutto nel Nord Europa e negli Stati Uniti, mentre in Italia sono ancora poco conosciuti.

Il Dl 4 giugno 2013 n. 63 (in vigore dal 6 giugno) ha aumentato la quota detraibile dal 55% al 65%, prorogando contemporaneamente la misura al 31 dicembre 2013. La Legge di stabilità 2014 ha poi prorogato la detrazione del 65% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2014. Infine, la Legge di stabilità 2015 ha disposto un'ulteriore proroga al 31 dicembre 2015. Inoltre, non va dimenticato che in alternativa alle detrazioni fiscali, gli impianti geotermici e le pompe di calore possono accedere al Conto termico.

La possibilità di produrre, oltre che acqua calda per il riscaldamento invernale e per gli usi sanitari, anche acqua fredda per raffrescare durante l’estate, rende gli impianti geotermici l’alternativa ideale ai tradizionali impianti. Il grande vantaggio deriva dal fatto che un sistema geotermico racchiude in unico impianto le stesse funzioni normalmente demandate a due diversi apparecchi, cioè caldaie e condizionatori.

Un impianto geotermico, se opportunamente dimensionato, è in grado di riscaldare e raffrescare un edificio senza l'ausilio di altri apparecchi. In questo caso si parla di impianto geotermico "monovalente". In ogni caso si tratta di impianti che si prestano bene all'integrazione con altri generatori di calore ad alta efficienza. Molto interessante, ad esempio, risulta l’abbinamento con impianti solari termici oppure con caldaie a condensazione, in regime "bivalente".

POMPE DI CALORE E SISTEMI TRADIZIONALI DI RISCALDAMENTO: facciamo due conti - consulta il documento.

NUOVI INCENTIVI CONTO TERMICO 2.0 - PRATICHE GSE.

In vigore dal 31 maggio 2016 il nuovo CONTO TERMICO 2.0 che incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili; rispetto alle detrazioni fiscali è un INCENTIVO (E NON UNA DETRAZIONE FISCALE) stabile che si rivolge a PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRIVATI (soggetti tenuti al pagamento delle imposte IRPEF o IRES).

Di seguito si riporta una tabella riepilogativa degli interventi ammissibili.

TIPOLOGIA INTERVENTO
ANNI
SOGGETTI AMMESSI

1A.

ISOLAMENTO TERMICO DI SUPERFICI OPACHE DELIMITANTI IL VOLUME CLIMATIZZATO.

5
PA

1B.

SOSTITUZIONE DI CHIUSURE TRASPARENTI COMPRENSIVE DI INFISSI DELIMITANTI IL VOLUME CLIMATIZZATO

5
PA

1C.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE CON GENERATORI DI CALORE A CONDENSAZIONE DI QUALSIASI POTENZA

5
PA

1D.

INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SCHERMATURA E/O OMBREGGIAMENTO DI CHIUSURE TRASPARENTI CON ESPOSIZIONE DA ESE A O, FISSI O MOBILI NON TRASPORTABILI.

5
PA

1E.

TRASFORMAZIONE DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN "EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO"

5
PA

1F.

SOSTITUZIONE DI SISTEMI PER L'ILLUMINAZIONE DI INTERNI E DELLE PERTINENZE ESTERNE DEGLI EDIFICI CON SISTEMI EFFICIENTI DI ILLUMINAZIONE.

5
PA

1G.

INSTALLAZIONE DI TECNOLOGIE DI GESTIONE E CONTROLLO (BUILDING AUTOMATION) DEGLI IMPIANTI TERMICI ED ELETTRICI DELL'EDIFICIO, IVI COMPRESA L'INSTALLAZIONE DI SISTEMI PER LA TERMOREGOLAZIONE E LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE.

5
PA

2A.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ESISTENTI CON IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE UTILIZZANTI POMPE DI CALORE ELETTRICHE O A GAS, ANCHE GOTERMICHE CON POTENZA TERMICA UTILE NOMINALE INFERIORE O UGUALE A 35 KW.

2
PA E PRIVATO

2A.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ESISTENTI CON IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE UTILIZZANTI POMPE DI CALORE ELETTRICHE O A GAS, ANCHE GOTERMICHE CON POTENZA TERMICA UTILE NOMINALE MAGGIORE DI 35 KW E INFERIORE O UGUALE A 2000 KW.

5
PA E PRIVATO

2B.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE O DI RISCALDAMENTO DELLE SERRE ESISTENTI E DEI FABBRICATI RURALI ESISTENTI CON GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A BIOMASSA CON POTENZA TERMICA NOMINALE INFERIORE O UGUALE A 35 KW

2
PA E PRIVATO

2B.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE O DI RISCALDAMENTO DELLE SERRE ESISTENTI E DEI FABBRICATI RURALI ESISTENTI CON GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A BIOMASSA CON POTENZA TERMICA NOMINALE MAGGIORE DI 35 KW E INFERIORE O UGUALE A 2000 KW.

5
PA E PRIVATO

2C.

INSTALLAZIONE DI COLLETTORI SOLARI TERMICI, ANCHE ABBINATI A SISTEMI DI SOLAR COOLING CON SUPERFICIE LORDA INFERIORE O UAGUALE A 50 mq.

2
PA E PRIVATO

2C.

INSTALLAZIONE DI COLLETTORI SOLARI TERMICI, ANCHE ABBINATI A SISTEMI DI SOLAR COOLING CON SUPERFICIE LORDA SUPERIORE A 50 mq E INFERIORE O UGUALE A 2500 mq.

5
PA E PRIVATO

2D.

SOSTITUZIONE DI SCALDACQUA ELETTRICI CON SCALDACQUA A POMPA DI CALORE.

2
PA E PRIVATO

2E.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ESISTENTI CON SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE CON POTENZA TERMICA NOMINALE INFERIORE A UGUALE A 35KW.

2
PA E PRIVATO

2E.

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ESISTENTI CON SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE CON POTENZA TERMICA NOMINALE MAGGIORE DI 35KW.

5
PA E PRIVATO

- GLI INCENTIVI SONO EROGATI NELLA MISURA MASSIMA DEL 65% (65% PER P.A. E 40% PER PRIVATI), IN 2 O 5 ANNI; PER INTERVENTI DI IMPORTO INFERIORE AI 5.000 EURO, L'INCENTIVO VIENE RILASCIATO IN UN'UNICA RATA;

- TUTTE LE SPESE RELATIVE A COMPETENZE PROFESSIONALI (AD. ES. DIAGNOSI ENERGETICHE) SONO INCLUSE NELL'INCENTIVO EROGABILE (NELLA MISURA DEL 100% PER P.A., DEL 50% PER PRIVATI);

- SONO PREVISTE PROCEDURE SEMPLIFICATE DI ACCESSO DIRETTO ALL'INCENTIVO PER APPARECCHI CONTENUTI NEL CATALOGO DEL GSE.

ESEMPIO DI INCENTIVO ECONOMICO PER PRIVATI:

INSTALLAZIONE DI POMPA DI CALORE PER RISCALDAMENTO INVERNALE DI UN APPARTAMENTO RESIDENZIALE, IN SOSTITUZIONE DI UN IMPIANTO TERMICO CON CALDAIA A GAS MATANO:

COSTO INVESTIMENTO 6.500 EURO;

INCENTIVO EROGABILE: circa 3.000 EURO IN UN'UNICA RATA (perchè inferiore ai 5.000 euro).

n.b. dati indicativi, ricavati da opportuno calcolo eseguito secondo le modalità prescritte dal GSE.

L'incentivo può essere richiesto da chi ha effettuato interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l’incremento dell’efficienza energetica; è calcolato in base all’energia termica prodotta (e non in base alle spese sostenute per la sostituzione di un impianto).

 Interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili:

Il beneficiario dell’incentivo è il “soggetto responsabile”, cioè chi ha sostenuto la spesa per gli interventi. I privati possono avvalersi di un soggetto delegato che presenti per loro conto la richiesta, tramite accesso al portale del GSE sul quale, entro 60 giorni dal termine dei lavori e secondo le istruzioni specificate nelle regole applicative, sarà effettuata la richiesta d'incentivo.

CONTATTACI PER INOLTRARE UNA RICHIESTA DI INCENTIVO AL GSE.

ECOBONUS - PRATICHE DETRAZIONI FISCALI.

 DETRAZIONI FISCALI (ECOBONUS): FINO AL 65% DI DETRAZIONE IRPEF SUL COSTO DELL'INTERVENTO, CHE PUO' RIGUARDARE:

ECOBONUS CONDOMINI: LE AGEVOLAZIONI FISCALI SALGONO FINO AL 75%.

ESEMPIO DI DETRAZIONE FISCALE (ECOBONUS):

INSTALLAZIONE DI NUOVI INFISSI RISPONDENTI AI REQUISITI DI EFFICIENZA ENERGETICA, IN SOSTITUZIONE DI VECCHI INFISSI:

COSTO INVESTIMENTO: 15.000 EURO;

INCENTIVO EROGABILE: 9.750 EURO (65%), DETRAIBILI DALL'ALIQUOTA IRPEF IN DIECI ANNI, NELLA MISURA DI EURO 975.00/ANNO.

SUPPONENDO CHE L'ALIQUOTA IRPEF ANNUALE AMMONTI AD EURO 1200.00, IL SALDO DOVUTO AMMONTA AD EURO 225.00 (1200-975).

SUPPONENDO CHE L'ALIQUOTA IRPEF SIA INFERIORE ALLA RATA ANNUALE DETRAIBILE, L'ECCEDENZA NON PUO' ESSERE DETRATTA.

n.b. dati riferiti a percentuali di detrazione applicabili per l'anno 2017.

CONTATTACI PER INOLTRARE UNA RICHIESTA DI DETRAZIONE FISCALE.

 

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA E UN PREVENTIVO*

Studio Tecnico Ing. Giuseppe Santoro

Grottaglie (Ta)

Preventivi gratuiti per tutti gli impianti: un operatore vi contatterà telefonicamente per acquisire i dati necessari per formulare un preventivo 'ad hoc'; in alternativa, è possibile concordare un sopralluogo tecnico che prevede il pagamento di un contributo spese, proporzionato in base al luogo da raggiungere e concordato preventivamente con il cliente.

Scopri altri servizi di Studio Tecnico Ing. G. Santoro